Un altro anno.

E’ una strana età la mia. Un’età in cui non ci si sente vecchi ma ci si rende conto di non essere più giovani. Un’età in cui si cominciano a tirare somme, si mettono i puntini sulle “i”, si chiudono parentesi e, perché no, ci si toglie qualche sassolino dalle scarpe. Ho lasciato la montagna da un paio d’ore, e con lei mia moglie, la mia famiglia, i miei amici, ciò per cui vale la pena vivere.
Continua a leggere

C’era una volta…

Giornata finita. Lavorativamente parlando. Sto rientrando a casa quando un pallone mi sfreccia davanti agli occhi, rimbalza su di un’auto in sosta e rotola di nuovo verso di me. “Signore, mi passa il pallone?”. Signore? A me? Non ho mica… quarant’anni? No, in effetti ne ho di più e potrei essere il padre di quel ragazzino che mi guarda come se fossi mezzo scemo, fermo, con il pallone tra le mani e un’aria distratta dai pensieri che rimbalzano nella testa.
Continua a leggere

Dove sei?

 

Dove sei (3)

Un romanzo avvincente,  scorre via veramente bene ed è facile divorarlo in pochissimi giorni o addirittura in una sola sera. Ci vuole un attimo per immedesimarsi in Mauro, il protagonista, perché molti vorrebbero potersi trovare in una situazione del genere. Almeno io personalmente. Sicuramente può prestarsi ad un finale diverso, anche se quello raccontato dall’autore e immaginato dal lettore è sicuramente quello giusto. Rispecchia il racconto. Complimenti Claudio!

Vi lascio alla sinossi riportata qui sotto.

Continua a leggere