C’era una volta…

Giornata finita. Lavorativamente parlando. Sto rientrando a casa quando un pallone mi sfreccia davanti agli occhi, rimbalza su di un’auto in sosta e rotola di nuovo verso di me. “Signore, mi passa il pallone?”. Signore? A me? Non ho mica… quarant’anni? No, in effetti ne ho di più e potrei essere il padre di quel ragazzino che mi guarda come se fossi mezzo scemo, fermo, con il pallone tra le mani e un’aria distratta dai pensieri che rimbalzano nella testa.
Continua a leggere